Meet the team. #1 JJC Bussolengo

Con questa serie di articoli, conosceremo i responsabili che gestiscono le nostre filiali; attraverso un’intervista capiremo le idee ed i valori che uniscono il nostro team istruttori, il lavoro di routine e qualche curiosità personale.

Il primo che intevistiamo è Nicola Provolo, titolare di una delle più belle strutture di arti marziali che ci sono a Verona e responsabile per l’Italia di Alliance Krav Maga, nostra cintura viola e cintura nera di Judo.

Ciao Nicola, presentati ai lettori.

Sono Nicola Provolo, ho 43 anni e pratico arti marziali dall’età di 6 anni. Ho iniziato con il judo che tuttora pratico con il mio coach Riccardo De Luca per due ore a settimana e in cui sono cintura nera secondo dan. Inoltre da quasi vent’anni pratico Krav Maga e sono uno dei rappresentanti italiani della federazione americana Krav Maga Alliance e cintura nera terzo Dan. Infine pratico bjj da 5 anni e sono cintura viola ed istruttore riconosciuto dalla UIJJ.  Sono laureato in Giurisprudenza e fino a 3 anni fa praticavo arti marziali come hobby o seconda attività. Ora è la mia attività principale e gestisco una palestra a Bussolengo.

Come mai hai deciso di inserire il Jiu Jitsu nel tuo centro, e come mai JJC?

Ho deciso di inserire il jiu-jitsu brasiliano nel mio club perché venendo dal judo e amando la lotta a terra ho conosciuto questa disciplina e l’ho trovata molto affascinante. Sono un imprenditore delle arti marziali ed essendo JJC l’unica realtà professionistica del Jiu Jitsu nel panorama veronese e una delle poche in Italia, non ho avuto dubbi circa la partnership per questa disciplina. Luca e Francesco sono due seri e preparati professionisti, ed a me piace lavorare solo con i migliori per garantire la qualità dell’offerta ai miei clienti.

Cosa ti aspetti nei prossimi anni da questa partnership?

Nei prossimi anni mi aspetto una crescita dei praticanti, aiutata anche dalla qualità degli istruttori e dei programmi tecnici insegnati. La vicinanza di Luca e Francesco agli istruttori delle filiali è garanzia di qualità

Il corso no-gi di quest’anno ha avuto un buon riscontro? Convincere dei praticanti di un’altra arte marziale a ricominciare da zero non è facile. Qual è il segreto?

Il corso no gi di quest’anno ha avuto un buon riscontro. Abbiamo avuto circa 15 partecipanti assidui oltre a qualche apparizione a spot. Ora speriamo che anche il nascituro corso con kimono abbia lo stesso riscontro.

Ricominciare da zero non è semplice ma i miei allievi di Krav Maga hanno questa predisposizione ed apertura mentale, perché da subito li abituiamo a lavorare anche con altre discipline. Io stesso nella mia vita ho sempre ricominciato dalla cintura nera alla cintura bianca, prima con il Krav Maga ed ora con il bjj. Ritengo che per un istruttore sia fondamentale non ritenersi mai  “arrivato” ma continuare a studiare e crescere e rimettersi la cintura bianca è un grande stimolo.

Dedichi molto tempo alla tua formazione e non solo con il Jiu Jitsu, cosa non da tutti. Parlaci di questo aspetto anche dal punto di vista personale.

Alla mia formazione ed al mio allenamento dedico almeno 8 ore a settimana, tra bjj, judo, krav maga e allenamento funzionale. Sono convinto che sia fondamentale essere un esempio per i propri allievi e dimostrare che tu istruttore  per primo ti alleni e dedichi tempo, energie e soldi alla tua preparazione e formazione. Amo il mio lavoro ed amo allenarmi, per cui questa cosa non mi pesa assolutamente, anzi la faccio molto volentieri e quando per qualche motivo non riesco ad allenarmi come vorrei, mi sento quasi in colpa.

 

Grazie per la tua disponibilità e complimenti per il tuo ottimo lavoro.

 

Il gruppo di JJC Bussolengo

Il gruppo di JJC Bussolengo